PIANO DI EMERGENZAPIANO DI EMERGENZA AZIENDALE?

 

Secondo il D.Lgs 81/08 (art.18 comma 1 lett. t) il datore di lavoro è tenuto ad  adottare le misure necessarie ai fini della prevenzione incendi e dell’evacuazione dei luoghi di lavoro, nonché per il caso di pericolo grave e immediato, secondo le disposizioni di cui all’articolo 43. 

Tali misure devono essere adeguate alla natura dell’attività alle dimensioni dell’azienda o dell’unità produttiva, e al numero delle persone presenti. In modo più specifico è il D.M. 10 marzo 1998 (art.5 commi 1 e 2) a prevedere un apposito piano di emergenza. 

Tuttavia, per i luoghi di lavoro ove sono occupati meno di 10 dipendenti, il datore di lavoro non è tenuto alla redazione del piano di emergenza, ferma restando l'adozione delle necessarie misure organizzative e gestionali da attuare in caso di incendio.

Fanno eccezione le attività soggette a controllo da parte dei Comandi provinciali dei vigili del fuoco (a rilascio C.P.I.) come previsto dal D.P.R. 29/07/82, n. 577 (ad esempio: discoteche, teatri, grandi impianti industriali, oleodotti, ecc…).

Contattaci Rapidamente

Rispondi alla domanda di sicurezza: Quanti occhi hanno gli esseri umani? (digita il numero)
Email:
Oggetto:
Messaggio:

Newsletter

Usa questo Form, per iscriverti alla newsletter.


Ricevi HTML?